Pareri in materia di Appalti Pubblici

Argomento: accesso agli atti

L’art. 105 c. 13 D.Lgs. 50/16 disciplina 3 ipotesi di delegazione di pagamento ex lege, obbligando l’Ente a pagare direttamente al subappaltatore/fornitore/cottimista (s./f./c.) quanto dovutogli dall’appaltatore inadempiente.
In tal caso il s./f./c. deve fatturare all’appaltatore e questi deve fatturare all’Ente l’importo totale, indicando il s./f./c. come beneficiario per la quota di sua spettanza: la stazione appaltante, a fronte di un’unica fattura, emette due mandati uno all’appaltatore e uno al s./f./c.
Prima di pagare l’Ente ha due obblighi:
a)art. 35 c. 28 D.L. 223/06 conv. L. 248/06, mod. art. 13- ter D.L. 83/12, conv. in L. 134/12: controllare regolarità adempimenti prescritti e sospendere pagamento sino a verifica positiva.
b) art. 48 bis DPR 602/73 e D.M. n. 40/08: verificare presenza debiti presso Agenzia Riscossione (A.R.)
Quesiti:
1) come si concilia il diritto del s./f./c. al pagamento di cui all’art.105 c. 13 D.Lgs.50/16 con l’obbligo del committente di effettuare i controlli di cui all’art. 35 c. 28 del D.L. n. 223/06 e di cui all’art. 48 bis DPR n. 602/73 e al D.M. n. 40/08?
2)Se dalle verifiche risulti l’inadempienza dell’appaltatore, ma la piena regolarità del s./f./c., il committente può pagare la fattura emessa dall’appaltatore in favore del s./f./c.?
3) Se il fornitore ha notificato, ex art. 453 c.p.c., all’Ente un pignoramento (ancora sub judice in attesa di udienza) in data antecedente a quello notificato ex art. 72 bis D.P.R. 602/73 da A.R. quale dei due prevale sull’altro?
4)la somma da intendersi pignorata a carico dell’appaltatore da Agenzia Riscossioni è l’intero importo contrattuale o lo stesso detratti i crediti del s./f./c., in quanto creditori privilegiati rispetto all’ A.R. in virtù della delegazione ex lege (art. 105 del D.Lgs 50/16)?

Argomenti:

A seguito di un'aggiudicazione di gara, la ditta seconda classificata chiede, tramite PEC di accedere agli atti chiedendo di poter visionare ricevendo, sempre tramite PEC, tutta l'offerta della miglior offerente ed in particolare l'analisi dei costi inviata da quest'ultima quale relazione esplicativa a supporto di un'eventuale contestazione di anomalia d'offerta: è corretto inviare alla seconda classificata quanto da lei richiesto oppure la prima potrebbe sollevare obiezioni e/o contenziosi? È corretto inoltre trasmettere tutta la documentazione tramite PEC oppure occorre adottare altri sistemi?

In riferimento al parere n. 652 la SA ha richiesto, quale documentazione di gara, una relazione a supporto dell'eventuale anomalia dell'offerta contenente l'analisi dei costi della stessa. Tale documento, in sede di aggiudicazione, non è però stato preso in considerazione avendo ricevuto un numero di offerte inferiori alle 4, soglia al di sotto della quale non sussiste alcuna anomalia d'offerta. La ditta 2^ classificata ha effettuato un accesso agli atti chiedendo di ricevere, tramite PEC, la suddetta relazione dell'aggiudicataria: la SA è obbligata a fornirla? Oppure può rifiutarsi in considerazione che tale documento non è stato considerato ai fini dell'aggiudicazione in virtù dell'insussistenza di anomalia nelle offerte? Qualora lo fornisca, l'SA potrebbe ricevere un contenzioso da parte dell'aggiudicataria quale rivelazione della propria strategia di gara ad un'azienda concorrente? Magg. com. Filippo STIVANI

Gara di lavori con inversione procedimentale ed esclusione automatica delle offerte anomale

Prima dell’aggiudicazione un concorrente fa accesso agli atti relativamente alla documentazione amministrativa di tutti i concorrenti.
Contesta l’ammissione di un concorrente che effettivamente avrebbe dovuto essere escluso se si fosse verificata la documentazione presentata.
Come deve comportarsi la stazione appaltante?
Se l’accesso agli atti fosse avvenuto dopo il provvedimento di aggiudicazione come avrebbe dovuto comportarsi?

Grazie

Argomenti: