Art. 57. Cataloghi elettronici

1. Nel caso in cui sia richiesto l'uso di mezzi di comunicazione elettronici, le stazioni appaltanti possono chiedere che le offerte siano presentate sotto forma di catalogo elettronico o che includano un catalogo elettronico. Le offerte presentate sotto forma di catalogo elettronico possono essere corredate di altri documenti, a completamento dell'offerta.

2. I cataloghi elettronici sono predisposti dai candidati o dagli offerenti per la partecipazione a una determinata procedura di appalto in conformità alle specifiche tecniche e al formato stabiliti dalle stazioni appaltanti. I cataloghi elettronici, inoltre, soddisfano i requisiti previsti per gli strumenti di comunicazione elettronica nonché gli eventuali requisiti supplementari stabiliti dalle stazioni appaltanti conformemente all'articolo 52.

3. Quando la presentazione delle offerte sotto forma di cataloghi elettronici è accettata o richiesta, le stazioni appaltanti:

a) nei settori ordinari, lo indicano nel bando di gara o nell'invito a confermare interesse, quando il mezzo di indizione di gara è un avviso di preinformazione; nei settori speciali, lo indicano nel bando di gara, nell'invito a confermare interesse, o, quando il mezzo di indizione di gara è un avviso sull'esistenza di un sistema di qualificazione, nell'invito a presentare offerte o a negoziare;

b) indicano nei documenti di gara tutte le informazioni necessarie ai sensi dell'articolo 52, commi 8 e 9, relative al formato, al dispositivo elettronico utilizzato nonché alle modalità e alle specifiche tecniche per il catalogo.

4. Quando un accordo quadro è concluso con più operatori economici dopo la presentazione delle offerte sotto forma di cataloghi elettronici, le stazioni appaltanti possono prevedere che la riapertura del confronto competitivo per i contratti specifici avvenga sulla base di cataloghi aggiornati. In tal caso, le amministrazioni aggiudicatrici e gli enti aggiudicatori utilizzano, alternativamente, uno dei seguenti metodi:

a) invitano gli offerenti a ripresentare i loro cataloghi elettronici, adattati alle esigenze del contratto in questione;

b) comunicano agli offerenti che intendono avvalersi delle informazioni raccolte dai cataloghi elettronici già presentati per costituire offerte adeguate ai requisiti del contratto in questione, a condizione che il ricorso a questa possibilità sia stato previsto nei documenti di gara relativi all'accordo quadro.

5. Le stazioni appaltanti, in caso di riapertura del confronto competitivo per i contratti specifici in conformità al comma 4, lettera b), indicano agli offerenti la data e l'ora in cui intendono procedere alla raccolta delle informazioni necessarie per costituire offerte adattate ai requisiti del contratto specifico e danno agli offerenti la possibilità di rifiutare tale raccolta di informazioni. Le stazioni appaltanti prevedono un adeguato periodo di tempo tra la notifica e l'effettiva raccolta di informazioni. Prima dell'aggiudicazione dell'appalto, le stazioni appaltanti presentano le informazioni raccolte all'offerente interessato, in modo da offrire la possibilità di contestare o confermare che l'offerta così costituita non contiene errori materiali.

6. Le stazioni appaltanti possono aggiudicare appalti basati su un sistema dinamico di acquisizione richiedendo che le offerte per un appalto specifico siano presentate sotto forma di catalogo elettronico. Le stazioni appaltanti possono, inoltre, aggiudicare appalti basati su un sistema dinamico di acquisizione conformemente al comma 4, lettera b), e al comma 5, a condizione che la domanda di partecipazione al sistema dinamico di acquisizione sia accompagnata da un catalogo elettronico in conformità con le specifiche tecniche e il formato stabilito dalla stazione appaltante. Tale catalogo è completato dai candidati, qualora sia stata comunicata l'intenzione della stazione appaltante di costituire offerte attraverso la procedura di cui al comma 4, lettera b) .

Relazione

L'articolo 57 (Cataloghi elettronici), introduce la previsione secondo la quale, nel caso in cui sia richiesto l'uso di mezzi di comunicazione elettronici, le stazioni appaltanti possono chiedere che ...

Commento

L'articolo 57, recependo gli articoli 36 della direttiva 2014/24/UE e 54 della direttiva 2014/25/UE (secondo quanto prevedono le direttive, gli Stati membri possono rendere obbligatorio l’uso di catal...

Giurisprudenza e Prassi

LEGITTIMA L'INDAGINE DI MERCATO ESTESA AD IMPRESE MUNITE DELLA NECESSARIA ATTESTAZIONE SOA

TAR TOSCANA FI SENTENZA 2016

La scelta di consentire la manifestazione di interesse anche alle imprese non munite della classifica SOA necessaria per l’esecuzione dei lavori risponde a un criterio di massima trasparenza e apertura al mercato, pienamente rispettoso dei principi enunciati dall’invocato art. 57 co. 6, nella misura in cui non preclude la possibilità, per le imprese non in possesso dei requisiti, di formulare comunque una valida offerta attraverso le note modalità organizzative proconcorrenziali – se del caso combinate fra loro – del raggruppamento temporaneo d’impresa, dell’avvalimento e, nei limiti di legge, dello stesso subappalto, realizzandosi in tal modo il più ampio coinvolgimento di tutti gli operatori potenzialmente interessati, ancorché non in grado di sostenere una partecipazione individuale (l’ammissibilità dell’avvalimento della certificazione SOA è sostanzialmente pacifica: fra le più recenti, cfr. Cons. Stato, sez. V, 14 aprile 2016, n. 1504; id., sez. V, 30 novembre 2015, n. 5396; id., sez. V, 26 maggio 2015, n. 2627, id., sez. VI, 15 maggio 2015, n. 2486).

L’eccezionalità delle procedure negoziate non precedute dalla pubblicazione di un bando, rispetto alle regole della pubblicità e della massima concorsualità che connotano le procedure aperte, rende del tutto conforme ai principi in materia di affidamento dei contratti pubblici – e al favore del legislatore per le partecipazione agli appalti pubblici delle piccole imprese: art. 2 co. 1-bis D.Lgs. n. 163/2006 – la prevalenza assegnata dalla stazione appaltante alla più ampia apertura al mercato. E recessivo, di contro, l’interesse egoistico della singola impresa a disporre di maggiori probabilità di essere invitata a presentare l’offerta.